fs14

Fare Self: lettori e self publishing

Michele Amitrani continua, con la rubrica Fare Self, ad analizzare il punto di vista dei Booktubers.

Questa volta entra nel dettaglio di una delle risposte che più preme gli autori self tra quelle che ha posto ai booktubers italiani:

“Hai mai letto un libro scritto da un autore indipendente?”

Variegate le risposte che hanno dato i booktuber:
“Nell’ultimo anno ho letto moltissimi libri di autori indipendenti. C’è chi meriterebbe di essere pubblicato da una buona casa editrice e di fare della scrittura il proprio lavoro, c’è chi accetta una recensione negativa ringraziandoti e chi invece ti insulta.”
“Nei miei 5 anni sul Tubo ho letto diversi autori indipendenti e continuo a leggerli e sostenerli! Ci sono state esperienze negative ma anche molte positive come nel caso della saga di Gabriele Dolzadelli, Jolly Roger, che invito tutti a recuperare!”
“In certi casi ho trovato del potenziale e ho cercato di motivare l’autore a fare sempre meglio. Altre volte invece il livello di scrittura era totalmente insufficiente.”
“Sono tutti uguali. Mal scritti, zeppi di errori di grammatica, di sintassi, colmi di strabordanti informazioni che, se correttamente sfrondate da esperti del settore, avrebbero potuto essere anche mettere in mostra tematiche interessanti e storie godibili.”
“L’impressione che mi hanno dato è che c’è dietro tanta passione, non si tratta solo di scrivere, ma è necessario fare anche un minimo di lavoro di editoria per presentare il libro nel migliore dei modi ai lettori.”
È stata un’esperienza magnifica! Non solo ho letto una bella storia che è stata in grado di farmi tremare il cuore, ma ho anche trovato nell’autrice una persona umile, autocritica, gentile e simpatica!”

Ricapitolando, ecco alcune delle idee che hanno i booktubers dei lavori Self che hanno letto:

  • Potenziale rozzo.
  • C’è bisogno di maggiore editing e cura del testo. Grammatica, descrizioni, coerenza narrativa, autocritica carente, descrizioni troppo lunghe o inutili.
  • Percepito a volte come una scelta di ripiego.
  • Autori troppo spesso sono molto protettivi nei confronti dei propri libri.
  • A volte escono idee buone ed originali, al di là dei canali standard dell’editoria tradizionale.

 

Hai una domanda?

Condividila con noi e ti daremo al più presto una risposta. Per farlo puoi:

  • inserire la domanda nei commenti a questo post;
  • puoi commentare un qualunque post sui social che riguarda Fare Self, ricordandoti di mettere sempre l’hashtag: #fareself;
  • potrai commentare i video di Michele Amitrani inserendo nuove domande;
  • oppure puoi scriverci a info@extraverginedautore.it

E attenzione! Ultima opportunità per partecipare alla promozione dedicata a chi commenta i video sul canale di Michele: tirate fuori le vostre domande!

2 thoughts on “Fare Self: lettori e self publishing

  • Lucrezia_Monti 📚 (@justLucreziaM)

    Da autrice self trovo piuttosto sconfortante il panorama tratteggiato da questo articolo, ma, purtroppo, concorda con quanto ho avuto modo di sperimentare in prima persona.
    Prima ancora che scrittrice, sono lettrice. E, devo ammettere, ho abbandonato la lettura di molti libri self stremata da punteggiatura disseminata a caso, tempi verbali quantomeno fantasiosi, incongruenze narrative e paradossi temporali.
    Ci sono blogger letterari che rifiutano di recensire opere self-publishing partendo dal presupposto che queste siano superficiali, inaccurate, spesso persino scritte in un italiano approssimativo. E, triste ma vero, non hanno tutti i torti: autori che non avrebbero la minima possibilità di pubblicazione con una qualsivoglia casa editrice, spesso sorretti da un ego smisurato, ritengono che la loro opera sia comunque tanto meritoria da dover ad ogni costo essere resa pubblica e veleggiano così nel mare magnum del self-publishing.
    Vi sono però autori capaci, talvolta persino sorprendentemente bravi, che, pubblicando in self-publishing per scelta o per necessità, vengono in tal modo esclusi da tutta la visibilità derivante da una buona recensione. Ed è un peccato.
    Il mio parere? Che, semplicemente, non bisognerebbe fare di tutta l’erba il proverbiale fascio: avere una casa editrice alle proprie spalle non è garanzia di un prodotto letterario di qualità, così come non tutto il self è immondizia letteraria.

    Rispondi
    • Extravergine d'autore

      Grazie Lucrezia del tuo commento.
      Noi di Extravergine crediamo nello stesso principio e lottiamo ogni giorno per dimostrare che esiste un self di qualità, e cercando di mostrare agli autori come fare self di qualità.
      Ci fa quindi sempre piacere incontrare autori con la tua consapevolezza.

      Rispondi

Rispondi a Extravergine d'autore Annulla risposta