extraself

Squilibrismi: un libro Extraself

Sono passati più di quattro mesi da quando abbiamo annunciato il vincitore del nostro concorso Extraself, e quelli con la memoria più buona tra voi si saranno nel frattempo chiesti che ne fosse stato di “10” la raccolta di racconti scritta da Rudy Mentale vincitrice del contest.

La risposta è piuttosto banale: ha riscosso il suo premio! Perché come ricorderete in palio c’erano una serie di servizi editoriali completi offerti dallo staff di Extravergine d’autore, che avrebbero trasformato il manoscritto in un libro self di qualità edito sulla piattaforma PubMe.

Oggi il libro si intitola “Squilibrismi” ed è arrivato sugli store (e sulla nostra vetrina) dopo un attento lavoro da parte dell’autore e di tutto il team di professionisti che si occupano dei nostri servizi editoriali. Una scrupolosa fase di editing e correzione bozze, dove ogni racconto della raccolta è stato analizzato e, quando necessario, rielaborato da Rudy e dai nostri editor; l’importantissima fase di impaginazione e realizzazione dell’ebook; un’ampia proposta di grafiche per la copertina, dove l’ha spuntata “Ago e filo”, foto di Marco Amarù.

Un lavoro, insomma che ci ha lasciato molto soddisfatti, sia ovviamente per il risultato raggiunto, sia per la collaborazione con l’autore, sempre disponibile e aperto ai nostri consigli. Ed è lo stesso Rudy Mentale a confermarci il suo entusiasmo in questo breve commento.

Cos’è fondamentale per essere scrittore?

Due cose sono fondamentali a mio parere per aspirare ad essere uno scrittore: la prima è frequentare il buon uso della lingua attraverso chi la pratica o chi la scrive. Anche se non si è studiosi di grammatica, occorre avere sufficiente apertura mentale, nonché umiltà, per riconoscere l’importanza delle strutture linguistiche; perché pur essendo una convenzione soggetta a continue variazioni, la lingua è lo strumento che ci serve per esprimerci ed è infarcita di importanti regole.

Quindi, anche se si è uno scrittore “a orecchio”, si devono conoscere queste regole per sfruttarle al massimo, o per trasgredire al meglio con abilità e accortezza il linguaggio che ci appartiene. Quindi, tornando alla metafora del musicista a orecchio, si può non conoscere la teoria musicale ma occorre come minimo sapere accordare lo strumento… e molto altro.

Per questo il secondo, importante, requisito dello scrivere, troppe volte sottovalutato, altre volte mal interpretato, è il lavoro di editing: lo sguardo altrui sul nostro scritto.

È stato difficile affrontare questa fase?

È un’operazione che richiede molta umiltà e molta serenità interiore. Con Francesco e Michel di Extravergine d’autore ho avuto a che fare, per la mia prima volta, con dei validi editor. Rimaneggiare parti di testo che a volte mi sembravano sacri è stata per me un’operazione lunga e faticosa, ma anche per questo proficua. Io, così come loro, ne siamo usciti sfiniti ma soddisfatti ed è quanto di meglio si possa chiedere a un lavoro professionale.

La ricerca spasmodica del dettaglio, dell’incongruenza e della forma migliore per esprimere un passaggio o un dialogo ci hanno guidati per un paio di mesi a lavorare sodo su un progetto che andava prendendo forma giorno dopo giorno, intervento dopo intervento e che si stava trasformando da una crisalide a una farfalla. Scambi d’idee talvolta decisi ci hanno portato a un risultato di cui non posso che dichiararmi soddisfatto e che spero sia in grado di soddisfare anche i lettori.

Ringrazio quindi tutta la squadra di Extravergine d’autore che ha lavorato su Squilibrismi, ho giusto altri 5 libri da rimettere un po’ a posto e appena potrò permettermelo li coinvolgerò sicuramente. È stato un vero piacere conoscervi e lavorare con voi!

E anche noi naturalmente saremo contenti di tornare a lavorare con Rudy, e con tutti gli autori che vorranno collaborare con noi per preparare il loro lavoro alla pubblicazione (qui trovate i nostri servizi).

Ma soprattutto vogliamo invitare tutti a puntare sul self publishing di qualità e acquistare “Squilibrismi” di Rudy Mentale. E non dimenticate di mandarci i vostri commenti!

 

One thought on “Squilibrismi: un libro Extraself

Facci sapere cosa ne pensi...