fareself2

Fare Self: Come vincere con il self publishing

In questa seconda puntata della rubrica Fare Self, tenuta da Michele Amitrani di Credi Nella Tua Storia, lo spazio pensato per rispondere alle vostre domande sull’autoeditoria, abbiamo risposto all’interessante, e un po’ spinosa, domanda di Ilaria:

“vorrei capire come si possono vincere le MOLTISSIME riserve che i lettori hanno rispetto al self publishing, considerato un ripiego e guardato spesso con grande diffidenza.”

In effetti questa stigma, che ormai sta scomparendo nel mondo anglofono (secondo il New York Times, nel 2015 un terzo dei 100 libri Kindle best seller erano pubblicati indipendentemente), è invece ancora molto diffuso e radicato in Italia, ed è uno dei motivi per cui noi di Extravergine d’autore lavoriamo senza sosta per far emergere la qualità.

L’argomento quindi è caldo ed ecco quali sono i consigli che Michele dà nel suo intervento:

1) Se siete degli indie che vogliono davvero avere successo, dovete capire una cosa: non state semplicemente pubblicando un libro, state creando una brand identity

2) Il vostro primo libro, non sarà il migliore: siate umili e disposti a migliorare.

3) Gli indipendenti devono aiutarsi a vicenda, non ostacolarsi a vicenda.

4) Dovete avere un piano a lungo termine, e attenervi ad esso.

5) Dovete investire risorse (anche economiche) e tempo sul vostro libro.

6) I vostri libri pubblicati indipendentemente riflettono lo status del self publishing. Fate in modo che brillino!

 

Hai una domanda?

Condividila con noi e ti daremo al più presto una risposta. Per farlo puoi:

  • inserire la domanda nei commenti a questo post;
  • puoi commentare un qualunque post sui social che riguarda Fare Self, ricordandoti di mettere sempre l’hashtag: #fareself;
  • potrai commentare i video di Michele Amitrani inserendo nuove domande;
  • oppure puoi scriverci a info@extraverginedautore.it

 

Facci sapere cosa ne pensi...