backup romanzo

Come evitare di perdere il tuo romanzo

Con il terrore negli occhi continui a fissare uno schermo nero: andato, tutto perduto, ogni pagina, ogni racconto, ogni appunto. Tutto. Il tuo computer è morto e con lui tutta la tua carriera di autore pare essersi volatilizzata.

Sembra un incubo, ma potrebbe essere realtà.

Del resto non saresti il primo. Evitare di perdere i propri lavori per gli scrittori era un problema anche prima che i computer rendessero la nostra vita (quasi sempre) più facile. Lo fu per  Hemingway, che nel 1922 perse una delle sue prima opere. La leggenda vuole che la sua prima moglie, Hadley, partita in treno verso la Svizzera per raggiungerlo e portargli i suoi lavori in vista di un contratto di pubblicazione, si vide derubata del plico che li conteneva.

Se Hemingway avesse scritto su di un computer, invece che con una macchina da scrivere, forse non avrebbe smarrito quelle pagine. Ma se hai mai perso le tue parole a causa di un crash del disco rigido, di un black-out o di un errore di Microsoft Word, sai quanto questa sicurezza sia mera illusione.

Per allontanare questo spauracchio esiste un unico modo: il backup dei dati!

Le 4 mosse per salvare i tuoi romanzi con il backup

Il tuo obiettivo è evitare che le tue preziose parole vadano perdute con una perdita di dati, quello che devi fare quindi è eseguire il backup su diversi percorsi. Ecco i passaggi principali per mettere al sicuro il tuo libro.

1. Salva presto e spesso

Anche se molti dei programmi di oggi sono abbastanza intelligenti da effettuare l’autosalvataggio, ti conviene comunque abituarti a salvare in loco un file più volte durante la sua creazione.

Ma cosa succederebbe se un virus attaccasse il tuo pc? O se qualcuno rubasse il tuo portatile? Il salvataggio costante del tuo lavoro è solo la prima tappa, ma non fare mai affidamento su questo per salvare il tuo romanzo da una possibile perdita di dati.

2. Utilizza backup esterni locali

I PC e i Mac hanno entrambi soluzioni software complete per effettuare il back-up dati su supporti esterni. Per il Mac si tratta di Time Machine, per ilPC invece è appunto Backup.

Investire in un disco rigido esterno per salvare le tue parole è un investimento che vale sicuramente la pena, anche perché oggi puoi acquistare un hard disk da un Tera per poco più di 50 euro.

3. Utilizzare una soluzione di backup Cloud

Oggi viviamo in un mondo totalmente connesso. È quello che viene chiamato Cloud, un ambiente virtuale che amplifica le possibilità di accesso ai dati.

Servizi come DropboxMicrosoft OneDrive e Google Drive forniscono molto spazio di archiviazione gratuito per le tue esigenze di backup. E il bello è che quasi non ti accorgerai di utilizzarli: grazie ai sistemi di sincronizzazione offerti, tu continuerai a lavorare sulle tue cartelle come hai sempre fatto e questi servizi salveranno i file simultaneamente nell’unità locale e nella memoria del Cloud.

Attento però, il fatto che si tratti di servizi utilizzati da milioni di utenti e appartenenti a grossi marchi, non significa che siano immuni a pericoli: anche Google può essere attaccato e persino i suoi server subire errori.

Ecco perché è importante seguire tutti i passi precedenti e comunque non fare affidamento a un unico servizio di backup: ecco perché c’è un quarto passaggio che ti consiglio.

4. Clona il tuo computer

Non sarebbe bello, in caso di crash o attacco virus, poter ripristinare il proprio computer con pochi click? Grazie al Cloud questa non è fantascienza.

Esistono infatti servizi pensati proprio per back-uppare in totale sicurezza l’intero contenuto del proprio computer, come BackBlaze, che per 5$ al mese clona  automaticamente sul Cloud tutti i tuoi dati. Se dovesse quindi accadere qualcosa di catastrofico al tuo hard disk, ti basterebbe scaricare tutti i file così salvati sul nuovo pc.

Se vuoi quindi proteggere in maniera definitiva il tuo lavoro, metti in pratica questi quattro suggerimenti, con salvataggi multipli e ridondanti sul Cloud e su dispositivi fisici. Il rischio di perdere il tuo romanzo diventerà un lontano ricordo.

E tu, hai avuto una brutta esperienza e perso il tuo lavoro? Come hai risolto? Raccontacelo nei commenti!

One thought on “Come evitare di perdere il tuo romanzo

  • Andrew Next

    Impara l’arte del versioning.
    Salva spesso e ogni volta cambia numero di versione. Uno degli errori di salvataggio comune a word e open office è la distruzione dell’ultimo file aperto. Cambiare numero di versione, oltre a fornire una storia di come il nostro lavoro evolve, impedisce che una cancellazione accidentale distrugga tutto il lavoro.

    Rispondi

Facci sapere cosa ne pensi...